Pietro Sacc


Pietro Saccà (Messina, 1928), con studi umanistico-musicali a Catania e Messina, qui quasi sempre ha lavorato nella Scuola dal ‘47 al ‘95 (dal ‘57 come C. Ist.) e qui trascorre i suoi otia alternando l’interesse alla storia letteraria classica con la rivisitazione del patrio dialetto, usato per pubblicare raccolta di favole (in collaborazione con Luisa Saccà Munafò) o per trattare temi di satira del costume.


Sono suoi:

Evemero da Messina, Ferrara, Messina 1963 (Premio Vittorini 1986);
La Dinastia degli Argeadi (inedito);
Favole nostrane, Pungitopo, Patti (ME) 1993;
Romeide, Intilla, Messina 1996 (Premio Vittorini 1997);
Favole nuove, Siciliano, Messina 1998;
Agnelli e Lupi, Siciliano, Messina  2001;
Cose nostre, Siciliano, Messina 2003;
Maldicenze, Siciliano, Messina 2007;
Gens, Gentame, Gentaglia, Siciliano, Messina 2009;
Cibele e Attis, Intilla, Messina 2009;
Ridendo castigat, Petacci s.a.r., Messina 2015.